Morra, 1969.

Salvatore e Teodora Monni, giovani sposi originari della Sardegna, acquistano da un nobile della zona una fattoria di circa 300 ettari per continuare un' antica attività familiare : l'allevamento ovino e la produzione casearia. Entrambi provengono da famiglie che a loro volta provenivano dal mondo della pastorizia: nei loro paesi di origine i genitori e i nonni producevano formaggi , li stagionavano e li commercializzavano.

Iniziano così ad allevare 500 ovini di razza Sarda e trasformarono un casale dell' azienda in caseificio, dove venivano prodotte circa 25 forme di pecorino al giorno e tanta buona ricotta. Nei primi anni 2000 i figli Santino e Michelangelo subentrano ai genitori con due aziende: Santino allevatore di bestiame e Michelangelo produttore di formaggi.

Nel 2001 viene conferito al caseificio il riconoscimento CE, riportato sul bollino sanitario apposto su tutti i prodotti, a conferma dell' impegno che la famiglia Monni impiega per portare in tavola prodotti di eccellenza che contano pochi rivali. 

Morra, oggi.

Santino e Michelangelo, insieme alle loro mogli costituiscono l'Azienda Agricola Fratelli Monni Santino e Michelangelo proponendosi di portare avanti, giorno dopo giorno, la tradizione da loro "vissuta" in famiglia, per poter offrire la qualità e la genuità che i clienti si aspettano dai loro prodotti.

Grazie alla caparbietà di voler produrre formaggi che coniughino alta qualità del latte e gusto delprodotto finale strutturato e di carattere , decidono di fare un cambiamento: smettono di allevare pecore Sarde e introducono per primi in Italia pecore di razza Lacaune da latte.
Con ottimi risultati: la risposta dei nostri clienti che si annoverano tra le grandi GDA italiane a questo cambiamento è stata eccellente, per questo aumentano il numero dei capi ovini ed il caseificio aziendale viene ampliato.
L'azienda collabora con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell' Umbria e delle Marche sede di Perugia a cui è stato affidato il piano di autocontrollo sia delle stalle che del caseificio per garantire sia ai titolari sia ai consumatori finali il rispetto delle norme di legge vigenti in materia di corretta prassi igienica dei prodotti.